Login

Tipo di accesso

Password dimenticata? Clicca qui

LOGIN
Annulla
Forgot error
DMP_ForgotOK Close

REGISTRATI

Se sei un Medico o un Giornalista e non hai ancora un account Dompé, clicca qui per accedere al modulo di registrazione.

REGISTRATI
 

News

L'appuntamento al San Antonio Breast Cancer Symposium 2014

E “made in Italy” la nuova via per la cura del tumore alla mammella triplo-negativo

  • Presentato alla 37° edizione del San Antonio Breast Cancer Symposium, il principale appuntamento scientifico mondiale sul carcinoma mammario, il primo studio al mondo che unisce reparixin, inibitore orale dei recettori CXCR1/2, alla chemioterapia standard.
  • La ricerca, condotta presso alcuni centri d'eccellenza statunitensi, ha confermato sicurezza e tollerabilità del trattamento.
  • Il tumore della mammella triplo-negativo rappresenta una delle principali sfide della moderna oncologia: la molecola, frutto della ricerca Dompé, ha un meccanismo d’azione unico che permette di agire direttamente sulle cellule staminali del cancro, frenandone la replicazione.

San Antonio (USA), 11 dicembre 2014. La ricerca scientifica italiana apre una nuova via per il trattamento del tumore della mammella triplo-negativo, che interessa circa il 12-17%1 dei casi di tumore mammario. L’associazione tra paclitaxel, uno dei taxani maggiormente impiegati nella chemioterapia per questa forma neoplastica, e reparixin, farmaco frutto della ricerca Dompé somministrato per via orale, appare sicura e ben tollerata nelle donne con tumore mammario metastatico, senza interferenze farmacologiche tra le due molecole. A dirlo è uno studio di Fase Ib condotto nei principali centri di ricerca oncologica negli Stati Uniti e coordinato dalla Dottoressa Anne Schott, della University of Michigan, presentato alla 37° edizione del San Antonio Breast Cancer Symposium (San Antonio, Texas, 9-13 dicembre), il congresso di riferimento a livello mondiale sul tumore della mammella.

La ricerca, fondamentale per lo sviluppo di un nuovo approccio terapeutico espressamente mirato alle cellule staminali del cancro, target specifico dell’azione di reparixin, ha preso in esame donne con tumore mammario metastatico HER-2 negativo che non avessero ricevuto più di tre trattamenti chemioterapici precedenti, senza metastasi cerebrali. Le pazienti sono state suddivise in tre diversi gruppi, con dose a scalare di reparixin in combinazione con dosi fisse di paclitaxel (rispettivamente paclitaxel 80 mg/m2 + reparixin 400 mg oppure paclitaxel 80 mg/m2 + reparixin 800 mg o paclitaxel 80 mg/m2 + reparixin 1200 mg). Il profilo di sicurezza e tollerabilità dell’associazione dei due farmaci è risultato estremamente soddisfacente: in molte pazienti il trattamento con reparixin è proseguito per oltre sei mesi, così come il monitoraggio del processo evolutivo delle cellule staminali tumorali, la cui presenza sembrerebbe essere stata ridotta grazie al trattamento con il farmaco. Anche se preliminari, sono disponibili alcuni dati sull’efficacia, con una significativa percentuale di pazienti che continua a mostrare risposte cliniche nel trattamento a lungo termine.“I risultati dello studio sono estremamente incoraggianti per lo sviluppo futuro di reparixin – spiega Anne Schott, Associate Professor of Internal Medicine, University of Michigan. La molecola ha come bersaglio il recettore espresso dalle cellule staminali tumorali. Queste cellule hanno la capacità di riprodursi senza essere significativamente “toccate” dalla chemioterapia standard e rappresentano un target ideale per un trattamento che possa essere somministrato in completa sicurezza in associazione alla chemioterapia”. .

Reparixin è un inibitore a basso peso molecolare di CXCR1/2 che negli studi sperimentali ha dimostrato di poter ridurre le cellule staminali tumorali se somministrato da solo o in associazione con chemioterapia con farmaci della famiglia dei taxani. Con reparixin si punta ad inibire l’attività del “motore” dell’infiammazione per tenere sotto controllo lo sviluppo delle cellule staminali del tumore della mammella e, potenzialmente, anche di altre neoplasie, oltre che a modificare il microambiente che ne consente lo sviluppo.

Nonostante i rilevanti sviluppi nella terapia dei tumori registrati negli ultimi anni, le cellule staminali tumorali rappresentano ancora una sfida aperta per la moderna oncologia. Queste “roccaforti” del tumore, infatti, spesso risultano inattaccabili dalle terapie attualmente disponibili, conservando altresì al loro interno le caratteristiche genetiche per dar vita a nuove unità tumorali pronte a ridare fiato alla malattia e a sviluppare metastasi, poiché questi trattamenti non sarebbero in grado di distruggerle completamente.

“Il bisogno terapeutico correlato al tumore della mammella triplo-negativo è oggi una sfida importante nell’ambito della ricerca scientifica in oncologia – afferma Eugenio Aringhieri, Amministratore Delegato Gruppo Dompé. Queste neoplasie non possono trarre vantaggio da terapie mirate e hanno come unico possibile trattamento medico la chemioterapia, che purtroppo non ha un’attività specifica sulle cellule staminali del cancro. Reparixin, sviluppato dalla ricerca del Gruppo Dompé, rappresenta il primo trattamento specifico per le cellule staminali tumorali attualmente in sviluppo. Un percorso sicuramente ancora pieno di domande che vedrà coinvolti oltre 60 centri di ricerca in oncologia in Europa e Stati Uniti, ma che affrontiamo con determinazione e senso di responsabilità. L’obiettivo è infatti quello di valutare le potenzialità terapeutiche della molecola, a tutela della vita delle donne colpite da questa forma tumorale”..

1 William D. Foulkes, Ian E. Smith, Jorge S. Reis-Filho, Triple-Negative Breast Cancer, N Engl J Med 2010; 363:1938-1948