Login

Tipo di accesso

Password dimenticata? Clicca qui

LOGIN
Annulla
Forgot error
DMP_ForgotOK Close

REGISTRATI

Se sei un Medico o un Giornalista e non hai ancora un account Dompé, clicca qui per accedere al modulo di registrazione.

REGISTRATI
A A A
Contatti
Seguici su: LinkedIn YouTube

www.dompe.com

News

Da Dompé la via italiana per vincere la sfida contro le cellule staminali del cancro

  • Vera sfida del tumore della mammella triplo negativo, che solo in Italia rappresenta il 15-20% dei circa 37.0001 casi registrati ogni anno, le cellule staminali tumorali sono ritenute responsabili della progressione della malattia e dello sviluppo di metastasi.
  • La ricerca italiana, e in particolare Dompé, sta studiando una molecola - Reparixin - in grado di influire direttamente su queste "roccaforti" del tumore che risultano resistenti alle terapie oggi disponibili.

Milano, 1 ottobre 2014. Attaccare direttamente il “cuore pulsante” del tumore. È questa la sfida della moderna oncologia, che punta la rotta direttamente sulle cellule staminali del cancro (Cancer Stem Cells o CSC) le quali, mantenendo al loro interno tutte le istruzioni per produrre nuove unità neoplastiche, sono alla base della progressione della malattia e dello sviluppo di metastasi.

Milano diventa per un giorno capitale della ricerca in questo settore, grazie al Workshop SIICA (Società Italiana Immunologia, Immunologia Clinica e Allergologia), in programma oggi nell’ambito della 3rd Conference of Translational Medicine on the Pathogenesis and Therapy of Immune-Mediated Diseases, presso l’Humanitas Congress Centre.

Giungere ad attaccare direttamente le cellule staminali tumorali rappresenta sicuramente un obiettivo chiave della moderna oncologia, visto il ruolo che queste, completamente “sganciate” dal controllo dell’organismo, giocano nel dare vita al tumore. Il loro ruolo appare di grande importanza in numerose forme neoplastiche ed è vitale anche in alcune forme di tumore della mammella. Se con la terapia ormonale si riesce infatti ad agire sulle cellule estrogeno-dipendenti e grazie alle terapie target si può controllare la malattia quando sono presenti recettori positivi per l’HER-2, rimane ancora estremamente complesso il trattamento dei tumori triplo negativi, le cui cellule non presentano recettori specifici e quindi non possono essere trattati con farmaci mirati. Per queste forme, che in Italia rappresentano il 15-20% dei circa 37.000 casi di tumore mammario, l’unico trattamento attualmente disponibile resta la chemioterapia.

In questo senso, tuttavia, la ricerca italiana sta sviluppando una strada innovativa per offrire nuove risposte terapeutiche. Grazie al lavoro dei ricercatori Dompé, infatti, è attualmente in valutazione l’attività terapeutica di Reparixin. Questo farmaco sperimentale agisce modificando il microambiente in cui si sviluppano e si riproducono le cellule staminali tumorali, e il suo impiego appare di grande interesse anche per altre forme tumorali. Nello specifico, Reparixin agisce sui mediatori dell’infiammazione che favoriscono lo sviluppo delle staminali tumorali, ed in particolare di alcune citochine come l’Interleuchina-8 (IL-8). Reparixin è attualmente in fase di sperimentazione in una selezione di centri statunitensi all’avanguardia nel trattamento del carcinoma mammario metastatico, così come nel tumore mammario in stadio precoce, ovvero prima dell’intervento chirurgico.

“Reparixin rappresenta una punta di diamante della nostra ricerca e il suo sviluppo è motivo di orgoglio per Dompé – spiega Eugenio Aringhieri, CEO del Gruppo Dompé. La molecola potrebbe rappresentare una soluzione terapeutica in grado di fare la differenza in una condizione patologica che ancora oggi è trattata con la sola chemioterapia. Proprio per il potenziale rappresentato dal suo meccanismo d’azione innovativo, che va ad agire su un fattore chiave per la stessa esistenza delle cellule tumorali, abbiamo impostato un programma di sviluppo fondato su partnership con 15 centri di eccellenza negli Stati Uniti. L’ambizione è che Reparixin possa in futuro dare risposte terapeutiche efficaci e sicure anche a pazienti affetti da altre forme di tumore”.

1 Fonte: http://www.legatumori.it/page.php?id=1052&area=955 consultato in data 22/09/2014